Archivio mensile:dicembre 2014

NEW YEAR’S EVE’S EVE

La vigilia della vigilia. Con 10 ore di anticipo. Il che fa molto strano. Quando inizierà davvero questo nuovo anno? Orario italiano o australiano? Fatto sta che con 10 ore di anticipo, mi butterò alle spalle molte cose. Con la consapevolezza che, ovunque le butterò, sarò sempre capace di ritrovarle. Quel che è stato non passa mai definitivamente. Resta, a proprio modo, lì tra le intercapedini dei ricordi e basta un attimo di sospensione con il proprio animo, quando, per farla breve, ti metti a pensare con un paio di auricolari alle orecchie o ascoltando i suoni che ti ronzano intorno, per ritrovarlo.

E alle spalle ti butti sempre esperienze negative. Quelle che magari cominciano come esperienze bellissime, che ti prendono completamente e poi, un niente, un attimo, una consapevolezza, e cambiano completamente faccia. Diventano negative, appunto. Di quelle esperienze che non dovrebbero più ripetersi. Ma che tanto poi si ripetono, non c’è scampo.

Cosa voglio buttarmi alle spalle? I fuochi d’artificio di Sydney spero mi illuminino. D’immenso. Forse.

Annunci