CHIAMALA STABILITA’, IO LA STO ANCORA CERCANDO

Ogni tanto mi viene in mente di avere un blog e di avere bisogno di scrivere qualcosa. Di lasciarmi andare a qualche pensiero particolarmente complesso da tenere nella testa. Di rilassarmi e così, vedere cosa ne viene fuori.

Dunque, facendo due calcoli, tra 20 giorni sarò a Bruxelles, per un tirocinio alla Rappresentanza Permanente d’Italia, ufficio del Parlamento Europeo. Ansia? Stranamente non riesco a decifrarla nel fascio di emozioni che, ultimamente, mi confonde i pensieri e tiene in perenne agitazione. Entro oggi, mi ero promessa che avrei finito la tesi per “stare con i tempi”. Ma ho fallito miseramente. No, non la vivo come una sconfitta, ho tante attenuanti. Dopotutto, è estate, fa caldo, recupererò.

Quello di cui vorrei parlare, però, è altro. A tratti so già che mi ripeterò rispetto a quanto ho già scritto qui. Il che non mi dispiace, vuol dire che comincio ad avere dei punti fissi o, perlomeno dei bisogni fermi nella mia vita. Come quello di stabilità. “Stabilità”, profonda tranquillità, che dura il suono delle sue lettere, per poi barcollare nel vuoto, in quel fiato di voce che si disperde in un brivido impercettibile e un vento più forte e rumoroso allora si alza. In quella raffica di vento scorre una vita in divenire, immagini sfocate balzano di qua e là, lasciandosi dietro luci ad intermittenza. Le palpebre son sempre più frenetiche, sino a restar giù, proteggendo quegli occhi così offuscati e confusi.

Vorrei stabilità, vorrei sapere cosa farò dopo la laurea, dove sarò, se tutti questi sacrifici fatti sinora hanno avuto un senso. Ho viaggiato abbastanza nella mia vita, ma ancora non ho una tecnica collaudata per far la valigia, ancora non riesco a prendere un treno o un aereo a cuor leggero. Questione di carattere?

E’ stato in Australia che ho capito di aver bisogno di stabilità, quando, svegliandomi un giorno e voltandomi verso destra, ho visto qualcuno che avrei voluto ci fosse stato da sempre nella mia vita e che avrei voluto ci fosse per sempre. No, non si tratta di amore. Quel momento in cui ho scrutato il suo dorso addormentato lungo il fianco, i suoi riccioli in disordine e la spalla sollevarsi appena, ritmicamente, ho provato una sensazionale forma di serenità. Mi sono sentita a casa. Era stata una serata bellissima e, mai come in quel momento, mi sono sentita in Australia e mi sono sentita a casa. Ma di lì ad un mese sarei dovuta andare via. Sì, perché, sino a questo momento, non ho fatto in tempo ad abituarmi a stare in un posto che ho già dovuto abbandonarlo, verso qualcosa di nuovo.

La sola casa è quella in cui c’è la propria famiglia: verissimo. Sentirsi a casa, tuttavia, vuol dire anche sentirsi in pace con se stessi, appagati. Poter contare sulle proprie forze, poter fare progetti a lungo termine, poter fantasticare senza dover preoccuparsi delle fantasie ed opinioni di altre persone.

Vorrei stabilità, forse per uno strano gioco del destino, quel gioco che ti fa volere, desiderare, sognare ardentemente, esattamente quello che non hai. La valigia non imparerò mai a farla con criterio. Ma di smettere di viaggiare proprio non se ne parla. Prossimo viaggio? Alla ricerca della stabilità.

Cosa ho imparato in questi ultimi giorni? Ho imparato che amo troppo il mio territorio e che quella voglia da quindicenne di cambiare le cose, mettermi in gioco, fare politica, non è proprio andata via. Ho imparato che, sinora, più che per ambizioni, ho agito inseguendo sogni e istinti consapevoli. Ma di questo, forse, tornerò a parlarne tra qualche mese.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: