Un colpo di panno

Ho appena scartato quel panno speciale con cui pulire il monitor del computer ed eliminarne fino all’ultimo granello di polvere. Ora ci vedo quasi meglio. Un 13230791_10209725052393765_898810048_opanno azzurro e poroso, morbido al tatto, di quelli che devi passare giusto un paio di volte e rigorosamente nello stesso verso. Due passate secche, vigorose, decise. E ora è tutto pulito. E mi sento più tranquilla. Già, qualcuno diceva che la felicità è nelle piccole cose. Io direi che anche la tranquillità dimori nei piccoli gesti, quei gesti che ti danno una impercettibile punta di soddisfazione, quei gesti che ti fanno dire “adesso va meglio” e che ti fanno pensare “la mia buona azione quotidiana è fatta”.

Son seduta sul mio letto, gambe incrociate, dita fervide di scrittura. Son tese e pronte a battere, mentre nella mente cerco di trovare qualcosa di sensato da scrivere. Ma i miei pensieri sono piuttosto ingarbugliati.

Molte cose stanno cambiando nella mia vita, ora, e forse comincio a capire un po’ di più cosa significhi volersi bene. Si arriva ad un punto, infatti, in cui il sentimento che ci domina è quello che dovrebbe intenerirci con le nostre debolezze, con quelle ferite trascurate da troppo tempo. E mentre ci inteneriamo, cominciamo a preoccuparci di più di noi stessi. E così ti ritrovi a pensare “Ma per tutto questo tempo, chi me lo ha fatto fare?”.

Quanto si può essere ciechi dinanzi all’amore? Quanto si è disposti a tollerare pur di stare con una persona? Si chiama amore puro, quello che ti fa amare incondizionatamente. Ma la purezza in amore non basta, serve anche autocritica. Quella nobile capacità cioè di capire se ne valga davvero la pena. Bisogna essere un po’ egoisti con il proprio cuore e non concedergli troppo spazio. Parlo da persona ferita? La mia è falsa razionalità?

Forse.

Son stata delusa e nello stesso tempo delusa da me stessa. Quanto ho potuto resistere? Perchè non ho preso subito in mano la situazione? Perchè mi son lasciata trasportare così tanto?

E’ stata un’esperienza. E ho capito che dare tutto subito, vuol dire rimanere con le mani vuote subito dopo. L’amore ha i suoi tempi, le sue dinamiche, le sue attese. Un amore che sa attendersi e sa divenire giorno dopo giorno, quello sì che è vero amore. Non solo puro.

E’ stato stupendo conoscerti, forse una delle esperienze più importanti e significative nella mia vita. Ma ora sono un’altra persona, ora ho ritrovato il bene che ho per me stessa, e non voglio più perderlo. Non per il momento.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

One thought on “Un colpo di panno

  1. Bruno ha detto:

    Hoe moeilijk en zwaar het soms is om een oude deur te sluiten. Weet dat elk afscheid een deur opent naar een nieuw begin. Durf voor jezelf te kiezen en laat het leven op je afkomen! We zijn vaak sterker dan we zelf denken. Alles wat je meemaakt brengt je rijker op je bestemming. Xxx B

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: